Sent to his Account
(cover) Eilís Dillon
Sent to his Account

Quando il povero e bistrattato Miles de Cogan si trova improvvisamente erede di una grossa proprietà nel piccolo villaggio di Dangan, ne è felicissimo, naturalmente. Ma gli abitanti sono in lotta con un certo signor Reed, di Dublino, uno che si è fatto da sé e che ha dei piani tutt'altro che graditi per il villaggio. L'ignaro Miles fa del suo meglio per rendersi utile ma, malgrado le sue buone intenzioni, non è abbastanza pronto da prevenire l'inevitabile omicidio.

ESTRATTI DALLE RECENSIONI:

"L'avvelenamento di un rozzo e brutale imprenditore di Dublino, che sta tentando di corrompere un piccolo villaggio del Wicklow. Visto attraverso gli occhi di una tranquilla persona di mezz'età, povera in canna, che all'improvviso eredita un titolo. Una composizione ben sostenuta: una scrittura intelligente, con grande abbondanza di particolari di sottofondo e felicemente priva dei soliti luoghi comuni irlandesi. Bello il finale a sorpresa." (Maurice Richardson, The Observer)

"Un avvincente romanzo giallo di un'autrice di prima classe" (Edinburgh Evening News)

"affascinante ... è importante soprattutto la forza ammaliante e allo stesso tempo delicata di questa storia." (New York Herald Tribune)

"La signora Dillon ci presenta l'Irlanda di oggi in modo realistico. Senza trasformare tutti i contadini in personaggi folcloristici e lasciando che, almeno per una volta, la tenuta padronale sia gestita in modo efficiente in un romanzo" (Edith Shackleton, The Lady)

Questo libro non è ancora stato tradotto in italiano.
Il brano che segue è un campione preparato per il sito web.

Un brano dal Capitolo 2 ....

Quando la vide per la prima volta, Dangan House era una meraviglia. Il cancello, un po' arretrato rispetto alla strada, era dipinto di bianco e per nulla pretenzioso. La guardiola, che in realtà era una casetta a due piani, era ricoperta di vite americana verde e soffice. Davanti alla porta della casetta c'erano delle aiuole deliziose, piene di tulipani e non-ti-scordar-di-me in fiore, e una piccola cancellata che separava il giardinetto dal viale. Anche senza la spiegazione di Barne sapeva che quella era la casa di Germaine. Una donna di mezza età in grembiule bianco venne ad aprire il cancello, ed entrarono in macchina.

Ai due lati del viale di accesso il terreno saliva in un lieve pendìo. Sparse qua e là ad arte si vedevano delle querce. Miles non poteva fare a meno di ammirare, con un senso di affetto e di rispetto infinito, la lungimiranza di chi aveva piantato quegli alberi, come tanti bastoni da passeggio, così tanto tempo prima.

A metà strada lungo il viale chiese a Barne di fermarsi un momento e di spegnere il motore. Voleva ascoltare il silenzio, all'inizio così assoluto, ma poi subito pieno dei richiami degli uccelli, dei belati delle pecore e dei muggiti del bestiame. Indicando dei campi in lontananza chiese: "Sono cervi, quelli che vedo laggiù?" "Mucche di Jersey," disse Barne. "Sono parenti dei cervi. Anche quelle sono sue. Mi ero dimenticato di dirglielo. Sir Miles ne teneva sempre una quarantina." Erano passati molti, molti anni da quando c'era stata una mucca nella famiglia di Miles. La sua gioia fu completa. Quando raggiunsero la casa, alcuni minuti dopo, fu sorpreso di vedere che era costruita in blocchi di pietra calcare. Era a forma di L, alta appena due piani. Sulla destra si vedevano prati e giardini fioriti. Il viale passava accanto alla casa e continuava sulla sinistra, ma l'auto si fermò su uno spiazzo ricoperto di ghiaia davanti all'ingresso. C'erano dei grossi scalini di pietra e una porta pesante in quercia irlandese. Fu contento di vedere lo stemma dei Cogan e il loro motto scolpiti sopra l'architrave. Le finestre erano ampie e piene di sole, coi davanzali bassi, e nell'aria c'era un profumo squisito di terra, erba e fiori.

Traduzione di Giuliana Zeuli

Ritorna all'inizio di questa pagina

Versione inglese di questa pagina

Esci alle pagine italiane

Esci alle "Eilís Dillon Irish Writing Pages"

Pagine mantenute dall' "Eilís Dillon Literary Estate".
Tutti i materiali in queste pagine sono copyright, e non possono essere riprodotte per scopi commerciali senza il permesso scritto degli eredi di Eilís Dillon.